Archive for Book

John Grisham – Il socio

Più riguardo a Il socioMitchell McDeere è un brillante laureando in giurisprudenza che, ancor prima dell’ammissione all’albo degli avvocati, ha ricevuto importanti offerte di lavoro da parte delle maggiori società legali americane. Il caso ha voluto che uno dei “minori tra i maggiori” studi legali di Mephis, il Bendini, Lambert & Locke abbia proposto un contratto all’apparenza irrifiutabile. Attratto da prospettive di ricchezza immediata, il giovane accetta il lavoro offertogli dalla BLL (contrazione mia…).

McDeere, scopre ben presto (a sue spese), però, che non è tutto oro ciò che luccica. L’FBI ha già nel mirino da tempo lo studio legale, reo di fare il lavoro sporco per la mafia. All’FBI mancano le prove per inchiodare lo studio. Inizia quindi, un lungo gioco di strategia che vede il giovane avvocato al centro, tra l’FBI da una parte e la mafia dall’altra.

Come va a finire la storia non ve lo dico di certo io. Sennò che gusto c’è a leggerlo? Consigliato!

Lascia un commento

Crypto – Dan Brown

Immagine di CryptoSinossiWashington. Susan Fletcher, brillantissima mente matematica e responsabile della divisione di crittologia dell’NSA (National Security Agency), viene convocata d’urgenza nell’ufficio del comandante Strathmore. Qualcuno ha realizzato un programma capace di “ingannare” il più sofisticato strumento informatico di spionaggio al mondo, un supercomputer che può decodificare qualunque testo cifrato a una velocità strabiliante. Il creatore, Ensei Tankado, è rimasto handicappato dalla nascita per colpa degli effetti della bomba atomica scoppiata a Hiroshima. È solo una vendetta o c’è molto di più dietro? Leggi il seguito di questo post »

Lascia un commento

L’appello – John Grisham


Immagine di L'appello
“L’appello” è una bella storia che vede coinvolto un condannato a morte e il suo avvocato, che altro non è che suo nipote. La causa intentata a Sam Cayhall è di omicidio volontario, pena: la morte nella camera a gas. Il nipote, avvocato, cercherà di fare di tutto per riuscire a convertire la pena. Ovviamente non vi dico come va a finire 😀

Questo è il primo libro che leggo di Grisham e, nonostante non sono un estimatore di procedure legali, mi è piaciuto davvero molto. Un libro molto intenso, lungo, ma non noioso. La storia è statica. Niente colpi di scena, niente inseguimenti, niente azione. Quello che traspaiono sono i sentimenti. Indicato per i detrattori della pena di morte. E anche per i favorevoli… La verità a volte non sta da una parte sola!

Lascia un commento

Quanto è piccolo il mondo (anche su Internet)

Come ho detto nel precedente post, ho terminato la lettura de “Il Vangelo secondo Satana”. Prima della stesura del suddetto post, ho speso un po’ del mio tempo per trovar notizie sull’autore: un certo Patrick Graham (di cui, tra l’altro, manca una pagina sulla nostra Wikipedia nazionale). Sempre nello stesso post segnalavo un’interessante recensione. Fin qui tutto ok, giusto?

Bene, questo mettiamolo in un angolo.

Continuando la mia afosa giornata in casa, terminate tutte le gare olimpiche visibili (grazie Rai per impedirci di vedere tanti sport), e non sapendo che fare, ho dato uno sguardo ai miei feed RSS che ormai tralascio da troppo tempo. 

Mi son quindi imbattuto nella recensione fatta da uno scrittore emergente su un racconto scritto da un altrettanto scrittore emergente. Nelle note finali delle recensione compariva il link per raggiungere il blog di questo scrittore. 

Beh se avete seguito i pezzettini di pane che ho seminato nel corso di questo post siete arrivati alla mia stessa conclusione: L’ottima recensione che ho segnalato è stata redatta da uno scrittore emergente il quale ha perfino pubblicato un libro (i cui giudizi sembrano ottimi) e mantiene un ottimo blog (il quale, senza bisogno di dirlo è finito al volo nel mio lettore di feed).

Che dire? Quanto è piccolo il mondo! (anche nella grande rete 😉 )

Lascia un commento

Il vangelo secondo Satana – Patrick Graham

Immagine di Il vangelo secondo SatanaTerminata oggi la lettura di questo libro. Posso confermare alcune opinioni lette in giro per la rete. Non so se si tratta davvero del “di gran lunga il migliore thriller teologico letto da quando ho scoperto questo sottogenere”, di per certo posso dire che l’opera di questo scrittore emergente è molto piacevole e scorrevole.

Patrick Graham, alla sua prima pubblicazione, dimostra di aver buone idee e, nonostante il proliferare di libri simili, riesce a scrivere qualcosa di originale e per niente scontato. Per chi volesse saperne di più su questo autore consiglio un’ottima intervista, nella quale vengono svelate alcune curiosità sulla stesura del Vangelo.

Ottimo.

Comments (1)